Real Action: perchè?

logo wt real action hd

Noi dell’AWTA abbiamo fortemente voluto far si che la pratica della nostra Arte Marziale, il Wing Tsun, non rimanesse solo Teoria o un ammasso di programmi e tecniche morte, imparate a pappagallo. Per questo abbiamo voluto introdurre, o meglio strutturare un programma di addestramento al combattimento non collaborativo chiamato “Real Action”, il quale porti gradualmente ed in modo costruttivo l”allievo al libero sparring in tutte e tre le condizioni possibili: Striking (lunga, media e corta distanza), Clinch ed a Terra. In realtà questa pratica già esisteva da noi, tra i metodi di addestramento dei nostri insegnanti, il Gor Sao o sparring libero, anche se a volte fatto in una forma un pò empirica, senza organicità o una didattica progressiva più mirata e scientifica. Perciò con il Real Action Progam abbiamo soltanto voluto migliorare ciò che era già nel nostro modo comune di insegnare il Wing Tsun come arte di difesa personale, non presentandosi come una branca a se stante da apprendere in sedi particolari quali stage o lezioni private. Cosa fondamentale è che il lavoro di Real Action non tiene conto del livello dell”allievo e, quindi, del programma sul quale sta studiando, della struttura fisica o del peso, anche perchè in una situazione reale di difesa personale da strada non è possibile scegliere la stazza o la capacità del nostro aggressore. Personalmente non amo passare o far passare ai miei allievi ore ed ore solo a fare Chi Sao o Lat Sao senza che una goccia di sudore ci bagni la faccia e nella speranza che poi tutto ciò che è stato appreso tecnicamente funzioni nella realtà della strada, quindi nelle situazioni di autodifesa perché di speranza si può anche morire. Il confronto totale, non collaborativo con un’altra persona (meglio se non conosciuta e non praticante la stessa arte marziale), è in realtà l’unico modo per testare e portare a far funzionare le applicazioni dei programmi di Wing Tsun studiati, rendendo il nostro sistema efficace anche in una condizione di aggressione o di difesa personale. Se si dovrà allenare uno o più movimenti specifici per il combattimento, quindi, avremo bisogno di allenarli contro avversari non collaborativi, aggressivi e che oppongono resistenza. Solo se ci si allenerà in queste condizioni realistiche, quel che facciamo sarà frutAWTA BiuTze Formtuoso. Gli studenti in questo modo hanno l’opportunità di migliorarsi mentre fanno qualcosa di stimolante, mettendosi alla prova e sviluppando anche le proprie capacità condizionali e di reazione. Tutto ciò è utile inoltre per accrescere notevolmente la loro autostima e sicurezza, applicando le tecniche ed i principi più funzionali del Wing Tsun, portandoli a sperimentare ed a imparare realmente qualcosa che funziona in un contesto più reale, rendendo più efficace la propria arte marziale. Quello che a mio avviso ritengo essere più importante in un praticante di Wing Tsun è l’accettare e il capire che ad esempio il Chi Sao, il Lat Sao ecc sono solo strumenti tradizionali di allenamento atti ad acquisire attributi, non esercizi per imparare a combattere. Perciò è importante scindere in modo chiaro gli esercizi relativi all”acquisizione di capacità come Chi Sao, Chi Gerk, Lat Sao ecc, dall”allenamento funzionale e specifico per il combattimento. Se ci si allena veramente nell”ottica di dover imparare a far funzionare tutto quello che mi viene insegnato e non soltanto un 10% del programma studiato, è necessario testare praticamente il tutto nello sparring libero non veicolato, al di là di quali siano le capacità o il livello di bravura del mio avversario. Solo così sarò certo che ogni minuto speso ad allenare un certo quantitativo di tecniche e principi sarà sempre un minuto speso bene. Il che in un confronto o durante una aggressione non si può escludere a priori la possibilità che il mio avversario possa vincere lo stesso, perchè più capace di me, più veloce o più preparato ed aggressivo, ma almeno saprò che non ce l’ho fatta per una questione di divario di abilità, non per un dislivello dovuto alla mancanza di un allenamento provato in condizioni operative, per aver privilegiato tecniche e principi teorici che poi al dunque non funzionano perchè mai testati o peggio ancora perché io non mi sono mai personalmente messo alla prova, confrontandomi in modo realistico.

Nella mia scuola si è collaborativi solo quando si stanno studiando i principi del Wing Tsun o i programmi didattici, cosa che non accade nello sparring o comunque quando si allenano tecniche o applicazioni in modo serio, indossando sempre in quei training specifici idonee ed adeguate protezioni. Ognuno di noi pratica le arti marziali per mille e più differenti motivi e con altrettante diverse finalità le quali vanno tutte rispettate, perciò in AWTA nessuno verrà obbligato a cimentarsi nel Real Action, anche se reputo tale attività importantissima, direi indispensabile per tutti, siano essi allievi, istruttori, e insegnanti di ogni grado e livello. Coloro che lavoreranno nel Real Action dovranno necessariamente munirsi di apposite protezioni al fine di evitare incidenti e/o lesioni perchè allenarsi in modo realistico e duro è sì necessario, ma danneggiare ed usurare il proprio corpo non è decisamente intelligente e se è possibile, è bene farlo lavorando in sicurezza. Sono perfettamente conscio che senza sforzi, sudore e sacrificio, non si potrà ottenere mai nulla di realmente funzionale. Ma preservare l”incolumità di un individuo che ha deciso di imparare ad autodifendersi in modo efficace è fondamentale, quindi non significa solo insegnargli a difendersi, ma anche farlo senza danneggiarlo, senza usurarne le articolazioni o fratturarsi le ossa, senza permettergli di lesionarsi legamenti quant’altro, lasciandogli in regalo a vita artriti, dolori o danni permanenti. E’ veramente triste trovarsi poi in età avanzata a soffrire per essersi allenati in modo incosciente, passando il proprio tempo dal dottore, legati a medicinali, consolandosi soltanto di esser stato in passato un bel campione ed un bravo combattente.

 

Master Carlo Bernardi

AWTA Seminario a Roma

 

 

 

 

I commenti sono chiusi.