Escrima: la tecnica

logo_escrima_new r 2g

La particolarità che più colpisce dell”Escrima è che si comincia lo studio dell”arte marziale imparando ad usare le armi da subito. Successivamente si passa al combattimento a mani nude applicando le tecniche, le famiglie di movimento e le tattiche di combattimento apprese con le armi. Tutte le altre arti marziali cominciano sviluppando l’abilità nel combattimento a mani nude, per anni, prima di passare eventualmente alle armi. Questa particolarità delle FMA, è giustificata dal fatto che per imparare il combattimento a mani nude si usano gli stessi esercizi del combattimento armato, ponendo nella memoria fisica il fulcro di tutto l’addestramento. Secondo i maestri filippini, avere la disponibilità di un’arma pone in vantaggio durante un combattimento, inoltre, durante l’apprendimento dei movimenti e delle tecniche, utilizzare un’arma focalizza l’attenzione e velocizza i movimenti: doti che diventano utili anche nello scontro disarmato ed indispensabili in caso si fronteggiasse a mano nuda un avversario armato. Un’altra opinione di questi maestri, è che non ci si riesce a difendere da certe armi (ad esempio il coltello) se non si conosce a propria volta come usarle. Quando non si ha un’arma a disposizione (anche di fortuna), il corpo stesso deve diventare un’arma!

L’arma più comunemente utilizzata per cominciare l’apprendimento dell’Escrima è il bastone in rattan (chiamato “olisi”, “yantok” o “baton” o “baston” a seconda dello stile), lungo all’incirca quanto il braccio del praticante, con una lunghezza che può variare dai 45 ai 70 cm. Altri bastoni usati per l’allenamento possono essere fatti con legni più duri e resistenti del rattan. Si usano anche bastoni d’alluminio o realizzati in plastiche molto resistenti. In molti sistemi si comincia con l’imparare il combattimento con due armi, che possono essere due bastoni, due coltelli o un bastone e un coltello (sistema chiamato “espada y daga”). Altre armi tradizionali possono essere il bastone lungo, il bastone da pugno (pocket stick), la lancia, lo scudo, la frusta e il nunchaku, oltre alle classiche armi da taglio filippine di medie dimensioni accumunate a quelle malesi: bolo (è praticamente un machete), kampilan (arma da taglio con lama rastremata verso l’impugnatura), parang (arma da taglio con lama a foglia leggermente curvata all’interno) e kriss (arma da taglio con lama serpeggiante che esiste anche di dimensioni inferiori).

Concetti tecnici di base

Il primo concetto tecnico su cui si fonda il Kali-Arnis-Escrima è utilizzare gli stessi movimenti usati per il maneggio di un’arma anche per il maneggio di armi diverse e per effettuare tecniche a mano nuda. Infatti, osservando attentamente le dimostrazioni tecniche di vari maestri ed istruttori di Escrima, si vede la quasi identica esecuzione della stessa tecnica, sia eseguita con un bastone che a mano nuda: vi sono solo piccoli aggiustamenti per adeguarsi a distanze di combattimento diverse e per sfruttare al meglio le differenti potenzialità offerte dalla mano prensile rispetto all’arma inerte.

Allenamento con la tonfa al Quartiere Generale SISWT

Altro concetto tipico dell’Escrima, che si differenzia da altre arti marziali e che si ritrova solo nella scherma (e parzialmente nel Wing Chun), è la “numerazione degli angoli”: gli attacchi vengono portati seguendo particolari traiettorie che comunque rientrano in “zone” che delimitano la figura umana del bersaglio. Per comprendere questo concetto, occorre immaginare la figura umana dell’avversario divisa perfettamente a metà da una linea verticale che attraversa tutto il corpo dalla estremità superiore della testa fino al pavimento: questa divide il bersaglio in due parti (destra e sinistra). A livello dell’ombelico, la figura viene di nuovo divisa in due parti da una linea parallela al terreno: il bersaglio a questo punto, è diviso in due ulteriori zone (alto e basso, oltre alla parte mediana corrispondente alla linea stessa). A prescindere dal tipo di colpo (di punta o di taglio, ascendente o discendente…), ogni attacco rientrerà in una delle quattro zone delimitate dalla linea verticale e da quella orizzontale. Conseguentemente, i filippini hanno creato un sistema di numerazione che identifica queste zone e l”allievo che impara le difese dai vari attacchi, impara anche a gestire allo stesso modo qualsiasi tipo di colpo portato in una determinata zona. Gli stili di Kali-Arnis-Escrima sono tanti, ma tutti hanno questi quattro angoli (che diventano cinque considerando anche quello costituito dagli attacchi portati direttamente sulla linea centrale verticale) iniziali in comune: a seconda della scuola, questi angoli possono aumentare tramite ulteriori differenzazioni e distinguo in 7, 12, 15, 24 o più angoli.

L’Escrima praticato in AWTA prevede 5 angoli di attacco; per noi dividere in 15 o addirittura 24 gli angoli non è buono nè utile. Come si suol dire, “il più è meno”. Inoltre, è di importanza fondamentale il concetto di transizione dell’arma, inteso come la possibilità di imparare con un bastone tecniche che possano essere trasferite su qualsiasi arma o a volte usando come arma il proprio corpo. Come nel sistema Latosa, si studiano concetti quali il box-system, una delle colonne portanti che consiste in cinque movimenti offensivi tra loro correlati, la V theory e la L theory.Double Olisi

Una ulteriore differenza che esiste tra arti marziali di origine cino-giapponese e l’Escrima, è quella costituita dall’enfasi con la quale si predilige l’insegnamento delle tecniche tramite l’esecuzione di “routines” assieme ad un compagno, composte da esercizi ciclici, costituiti a loro volta dalla successione delle varie tecniche fino a quel momento imparate e da ulteriori esercizi che spingono l’allievo a “sperimentare” tecniche aggiuntive e variazioni, da applicare su uno schema ciclico fisso al fine di imparare ad adeguarsi alle mutevoli condizioni di un combattimento, aumentando la propria “sensibilità” e la capacità di applicare tecniche d’opportunità. Questi esercizi, che non hanno nulla a che fare con le “forme” presenti in altre discipline, sono chiamati “Abesedario”, “Sumbrada” o “Sombrada”, “Hubud-Lubud” (lega il nodo e sciogli il nodo), “Corridas”, “Tapi-Tapi”, “Palis”, “Contrada”, “Seguida” e con tanti altri nomi, a seconda dello stile e del particolare ambito del combattimento per lo studio del quale si rivolgono (a lunga, media o breve distanza).

Non solo armi

Nonostante il Kali-Arnis-Escrima sia conosciuto soprattutto per l’uso delle armi (soprattutto armi bianche da taglio e da percussione), in quest’arte esiste anche un vasto repertorio tecnico nel campo del combattimento a mano nuda che copre sia lo scontro tra opponenti disarmati, sia la difesa disarmata da attacco armato, rendendolo uno dei sistemi di combattimento più completi nell’ambito delle arti marziali.

Tale bagaglio tecnico viene comunemente chiamato “Pangamut” e si compone di tre aspetti.

Wrist Lock

Il primo è conosciuto come “Panantukan” e riguarda l’arte di colpire e difendersi utilizzando gli arti superiori: pugni, colpi di gomito, di avambraccio o con la mano aperta sono l’arsenale di tecniche utilizzate in quella che in occidente è chiamata anche “Boxe filippina”. Oltre ai colpi, sono ovviamente previste anche tutte le tecniche “difensive”, quali le “parate” (composte da “deviazioni”, “blocchi”, “opposizioni” e “assorbimenti”) e le posture del corpo e delle braccia atte a consentire un attacco rimanendo protetti da eventuali reazioni dell”avversario. Anche a mano nuda vengono utilizzati movimenti ed approcci tattici derivati dalle tecniche studiate con l’impiego delle armi come, ad esempio, il movimento “sinawalli” (che deriva dall’utilizzo di due armi di uguale lunghezza, una per mano) o il “Gunting” (che prevede, in fase difensiva, la distruzione dell’arto avversario, armato o meno, che sta portando l’attacco), nonchè gli “spostamenti sul triangolo”.

Il secondo aspetto riguarda i modi di colpire con gli arti inferiori e viene chiamato “Sikaran” (ma anche con altri nomi a seconda dello stile e dell’area di provenienza di quest’ultimo), contemplando l’uso di calci e colpi di ginocchio. Anche in questo caso, si studiano gli utilizzi degli arti sia per l”attacco che per la difesa, applicando anche qui il concetto di gunting. I calci previsti nelle arti marziali filippine possono essere di qualunque tipo, per quanto siano quasi sempre preferiti i calci “bassi”: calci portati ad una altezza superiore all’inguine, dai filippini sono considerati pericolosi per chi li effettua, in quanto si prestano a pronte e decisive reazioni da parte dell’avversario, quali una presa della

Double Olisi_2

gamba calciante con conseguente sbilanciamento e proiezione, oppure un contro-calcio che colpisce una qualsiasi delle numerose zone lasciate esposte nel calciare (gamba d’appoggio, inguine o la stessa gamba calciante secondo gli schemi previsti applicando il “Gunting”) o, peggio ancora, la ferita (anche grave) della gamba calciante se l’avversario è armato di arma da taglio o da “botta”: certamente non si vedranno mai combattenti che praticano arti marziali filippine cercare di “disarmare” un attaccante armato di coltello o “machete” con un calcio alla mano armata. L”ultimo aspetto è il cosidetto “Dumog” che comprende genericamente la “lotta”, ovvero le tecniche di “controllo”, di “sbilanciamento”, di “proiezione” e soprattutto le “leve”, le quali rivestono una particolare importanza in questa arte marziale per il loro utilizzo anche nelle tecniche di disarmo. Anche nel campo del Pangamut, si privilegiano esercizi in coppia che sviluppano la “sensibilità” e che sono la variante a mano nuda dei rispettivi esercizi eseguiti anche a mano armata, soprattutto Hubud-Lubud e Sumbrada.

Liberamente adattato da “Wikipedia, l”enciclopedia libera”

I commenti sono chiusi.